Note Biografiche

Nasce ad Augusta il 14/3/59; diplomato all’I.T.I.S. di Augusta, è un pittore autodidatta che è riuscito ad acquisire un’elevata qualità espressiva. I suoi temi prediletti sono le nature morte, che realizza con tecnica a spatola, e i paesaggi, dalle calde cromie. Ha preso parte a diverse mostre collettive ed estemporanee, frequenta lo studio del Pittore professionista Antonino Cammarata, presso il quale si è formato. Oggi progetta la sua prima personale di pittura per la quale seleziona e raccoglie le sue tele più significative.

COMMENTO CRITICO

L’improvviso germogliare di un seme rinsecchito, l’inaspettato rinverdire d’un tronco secco, il capolino d’un fiore da un arido muro, testimoniano il senso sublime della vita: è quanto accaduto a Francesco Di Maura, un uomo che si è scoperto artista in maniera improvvisa e violenta, nonostante Egli confessi di aver sempre subito una innegabile attrazione verso le molteplici discipline artistiche; non ha mai creduto di poter dare il suo contributo all’universo dell’Arte ma, pur vivendo una vita serena con la sua splendida famiglia, sentiva un vuoto incomprensibile, uno stato di sospensione dettato dalla inconsapevolezza di sé;

ma un memorabile giorno di Luglio visitò lo studio dell’artista Antonino Cammarata: fu un incontro che provocò in Francesco Di Maura la metamorfosi; ammaliato da quel ambiente misterioso, tra tele, pennelli e tubetti di colore, trovò il Maestro che aveva sempre cercato e con il quale strinse una fraterna amicizia. Grazie ai suoi preziosi consigli Francesco venne fuori dal bozzolo e da quel giorno non smise più di frequentare quella bottega, riuscendo con caparbia ad acquisire le tecniche della Pittura.

Oggi Francesco Di Maura è un pittore raffinato, che dipinge con passione. Dal suo cavalletto prendono vita nature morte, re-inventate grazie all’ausilio della spatola (una tecnica difficile che pochi artisti praticano oggi), e paesaggi che inebriano per il calore delle sue cromie mediterranee.